EasyPiece – Note ed avvertenze

E’ previsto che l’utilizzo di EasyPiece® avvenga con componentistica e strumenti appartenenti esclusivamente a questo sistema.
L’uso di elementi non facenti parte del sistema EasyPiece® pregiudica la funzionalità dello stesso.
Per un corretto utilizzo di EasyPiece® si raccomanda di prendere visione del presente catalogo e delle istruzioni per l’uso  scaricabili nella sezione dedicata, come da Regolamento Europeo n. 207/2012, http://professionista.overmed.eu/istruzioni-per-luso/  . Inoltre In conformità al Regolamento Europeo è possibile contattare Overmed per ricevere entro 7 giorni la copia in formato cartaceo delle Istruzioni per l’uso, scrivendo all’indirizzo e-mail bugiardini@overmed.eu.  Le informazioni sull’impiego dei nostri prodotti vengono altresì fornite verbalmente, per iscritto, via e-mail o tramite dimostrazione pratica presso i nostri centri. Tale consulenza non esonera l’utente dall’obbligo di accertarsi personalmente dell’idoneità del prodotto allo scopo ed ai procedimenti previsti. L’utente è anzi tenuto ad aggiornarsi continuamente sullo sviluppo e sulle applicazioni di EasyPiece® , in particolar modo in caso di utilizzo del prodotto nei procedimenti non espressamente raccomandati. Per qualsiasi dubbio si raccomanda di rivolgersi al produttore.
EasyPiece® è fornito esclusivamente a professionisti accreditati del settore medico dentale che se ne assumono la responsabilità d’utilizzo. L’uso del prodotto e la procedura seguita sono al di fuori del controllo del produttore che è pertanto escluso da ogni responsabilità per i danni causati o prodotti da un erroneo utilizzo del prodotto stesso.
Errori ed imprecisioni nella valutazione del paziente, nella diagnostica e nella pianificazione del trattamento possono portare alla perdita dell’impianto. EasyPiece® è soggetto a continua evoluzione pertanto il produttore si riserva modifiche alla progettazione ed alla produzione.

Scelta dell’impianto

Il numero e la tipologia dell’impianto da inserire dipendono da svariati fattori tra cui: qualità dell’osso in cui inserire
l’impianto, spessore dello strato osseo, situazione del sito implantare, carico masticatorio locale, ecc.
Si raccomanda di valutare tutti questi parametri per effettuare la scelta ottimale dell’impianto.

Indicazioni

Gli impianti dentali EasyPiece® sono indicati per tutti i casi di stabilizzazione della protesi mobile e vengono inseriti nelle arcate dentali di pazienti affetti da edentulia totale. Gli impianti devono essere utilizzati nel numero minimo di 4 impianti per volta inseriti secondo le indicazioni specificate nel protocollo chirurgico.

Controindicazioni

Gli impianti dentali EasyPiece® sono controindicati nei seguenti casi:
insufficiente quantità di tessuto osseo, presenza di malattie infettive croniche e acute, malattie sistemiche,
osteiti mascellari croniche subacute, malattie che comportino disturbi microvascolari, bruxismo; è altresi sconsigliato l’uso degli impianti in pazienti poco propensi alla collaborazione, che facciano abuso di droghe e alcool e che presentino una scadente igiene orale.

Effetti collaterali e interazioni

Dopo l’intervento chirurgico avvertire il paziente di stare a riposo evitando attività fisiche intense per almeno due giorni.
Nel caso di comparsa di dolori e complicazioni, consultare immediatamente il medico odontoiatra o il chirurgo.

Ulteriori complicanze

Perdita di osso sulla cresta inferiore e superiore, dolori persistenti dovuti all’impianto, fratture ossee, dell’impianto o delle sovrastrutture; fistole oroantrali e oronasali; problemi estetici.

Avvertenza

I rischi di insuccesso, nonostante l’altissima percentuale di casi risolti, possono essere presenti e non facilmente individuabili nelle cause, che vanno comunque ricercate e documentate: scarsa qualità e quantità del tessuto osseo, infezioni, scarsa igiene del paziente, protocolli chirurgici non corretti e carichi protesici mal distribuiti.
Per tutti i casi di insuccesso che si riconducano ad alterazioni delle caratteristiche del prodotto, ed ogni volta che il clinico
ne sia venuto a conoscenza, deve tassativamente essere comunicato al costruttore, in modo che questi possa provvedere ad attivare condizioni di miglioramento e ridurre i rischi connessi.