• Home
  • /Il sistema EasyPiece

Il sistema EasyPiece

Caratteristiche tecniche del sistema EasyPiece®

L’impianto

EasyPiece® è Il nuovo ed esclusivo sistema di implantologia dentale costituito da impianti dentali monofasici la cui parte endossea ricalca per morfologia e filetto gli impianti dentali della linea EasyLine passo fine, mentre quella trasmucosa i monconi MUA di angolazione e altezza trasmucosa differenti: diritto, angolato a 15° e angolato a 30°. EasyPiece® è indicato per i casi di riabilitazione estetica e per il ripristino della funzionalità di pazienti affetti da edentulia parziale o totale. E’ particolarmente indicato per l’utilizzo con tecnica Easy Arch.

Caratteristiche

L’impianto dentale è costituito da una porzione endossea, sostanzialmente cilindrica, con una parte apicale più ristretta, e da una zona trasmucosa collegati tra loro da un colletto svasato che porta i diametri di emergenza degli impianti a 4.0 mm ed alloggia l’esagono per l’avvitamento dell’impianto. Al di sopra dell’esagono è alloggiato il cono sul quale appoggia la cappetta, avente un diametro estremamente ridotto per consentire protesi meno ingombranti, ma al tempo stesso tale da permettere l’utilizzo di una vite di serraggio con filetto M1,8 di diametro maggiore rispetto a quello tradizionale M1,4, garantendo così maggiore stabilità e tenuta.

La superficie

La superficie della porzione endossea, invece, è stata trattata mediante uno speciale processo di pallinatura, eseguito con corindone bianco specifico per il settore medicale applicato con pressione e granulometria costanti. Successivamente il tratto filettato dell’impianto è sottoposto ad un trattamento chimico di mordenzatura (etching). Gli studi in vivo e le analisi istologiche hanno confermato che i trattamenti superficiali eseguiti sugli impianti della linea EasyLine sono in grado di accelerare il processo osteointegrativo e di ridurre pertanto i tempi di neogenesi ossea.

 

Il collo

Il colletto, così come la restante parte emergente, è lucido e la sua funzione è quella del ripristino delle mucose gengivali a seguito dell’inserimento dell’impianto. Sono previste 2 altezze trasmucose per ciascun impianto e angolazione.Il trattamento superficiale garantisce un elevatissimo grado di pulizia e impedisce l’accumulo di batteri con conseguente prevenzione per eventuali infezioni che potrebbero causare la perdita dell’impianto.

 

Solchi longitudinali

I tre solchi logitudinali raccolgono i frammenti ossei derivati dall’azione delle frese. In fase di avvitamento consentono la ridistribuzione dei frammenti lungo la porzione inferiore dell’impianto.

 

Profili di filettatura

La parte endossea dell’impianto è caratterizzata da una filettatura ortopedica. Tale filettatura è la stessa degli impianti a passo fine doppia spira: filetto da corticale Ha secondo normativa ISO 5835. Le caratteristiche del profilo si adattano anche al tessuto osseo di classe D1-D2. Il profilo del filetto è asimmetrico e facilita l’inserimento mentre la spalla in uscita è quasi piatta garantendo in questo modo un’ottima tenuta allo svitamento. Il fondo della gola è raggiato per evitare tagli traumatici ai tessuti. Nella porzione finale il filetto sfuma sul diametro esterno. In questo modo la porzione di osso corticale viene ulteriormente compressa e la stabilità primaria dell’impianto notevolmente incrementata. A livello corticale, la presenza di una microfilettatura consente l’ottimale integrazione ed una minima retrazione crestale.